100% Freeware, 100% Indipendente e 200% Nerd!

domenica 24 maggio 2015

Cover Meme VII: Cover che vi attirano anche se non avete ancora fruito dell'opera

by Cloud

Capita spesso che la prima cosa ad attrarre la nostra attenzione, in un videogioco, un libro, un fumetto, un tubetto di maionese o quant'altro, sia la copertina. E, che dire, ce ne sono parecchie di opere la cui cover mi piace parecchio, ma che non sono ancora stato in grado di giocare/vedere/leggere. 

Un esempio, in ambito videoludico, è la trilogia di Dragon Age. Eh sì, non ho ancora giocato né Origins, né il 2, né Inquisition, complice il fatto che soltanto da relativamente poco tempo mi sono assemblato un PC fisso bello potente, e devo ancora recuperare molti capolavori per PC. Ma non temete, ho Origins già installato e lo giocherò non appena lo studio mi darà un attimo di tregua. Detto ciò, andiamo ad esaminare le cover di questa serie:



Partiamo dalla cover di Origins: La sagoma di un drago, realizzata in modo da sembrare come formata da uno schizzo di sangue, con al suo interno un guerriero in piedi in un desolato campo di battaglia, e una misteriosa ragazza incappucciata, da subito l'idea di un fantasy
 dalle tinte fosche, e rimane parecchio impressa nella retina di chi la vede.














Passiamo poi a Dragon Age II: la sua cover richiama quella del primo, con lo stesso drago ad ali spiegate e con uno sguardo più compiaciuto, mentre in primo piano un guerriero cammina da solo lungo una via cosparsa di sangue. E, particolare che a prima vista potrebbe sfuggire, la parte inferiore delle ali del drago è delimitata da sagome di persone... che siano coloro il cui sangue è stato versato affinché il cammino del guerriero proseguisse? Chissà, le mie sono solo supposizioni, e potrebbero non azzeccarci nulla con l'effettiva storia del gioco...









Per finire, eccoci davanti alla cover del recente e molto acclamato Dragon Age: Inquisition. Notiamo fin da subito un notevole distacco stilistico dalla cover del secondo capitolo, con una maggiore varietà cromatica e uno stile più acquarellato. Questa scelta, oltre che per dare un tocco di novità, potrebbe essere dovuta al fatto che Dragon Age II non ha riscosso il successo sperato, e si voleva quindi differenziare Inquisition da esso. Nella cover art, vediamo un cavaliere dalla spada infuocata, in piedi su una scogliera, alzare una mano al cielo verso un'accozzaglia di creature mostruose, forse per evocarne il potere, forse per combatterle, chi lo sa. Chi ha giocato il gioco, magari, ma come sapete non è il mio caso.






Questo piccolo articolo si conclude qui, che dire, è stata un'esperienza diversa dal solito provare a commentare le copertine di giochi che non ho ancora giocato, e probabilmente le mie osservazioni non c'entrano nulla con ciò di cui trattano i titoli in questione. O forse sì? Fatemelo sapere nei commenti!

6 commenti:

  1. Buone impressioni direi!

    Il cambio di copertina di Inquisition si nota anche all'interno del gioco stesso. Il passaggio dal motore di gioco proprietario dei precedenti due al Frostbite ha reso il mondo molto più colorato e vibrante, andando a creare un look & feel molto diverso.
    Quando si dice: la copertina fa il gioco....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora a quanto pare ci ho preso! XD

      Elimina
  2. belle cover!! :)
    Ho provato dragon age inquisition da un amico ed è proprio figo! Ho passato non so quanto solo per creare il persomaggio xD deformazione professionale dovuta a the sims :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, ti capisco. Anche se poi magari non si vedrà quasi per niente, io ho la fissazione di farmi il personaggio figo. Nell'ultimo Monster Hunter, per compensare il fatto che la faccia che avevo tanto accuratamente creato si vedesse poco e nulla, ho deciso di andare in giro senza elmo quando sto nel villaggio, per poi equipaggiarlo prima di andare in missione XD

      Elimina
  3. Ah.... nemmeno io ci ho mai giocato XD

    RispondiElimina
  4. Io l'ho comprato proprio oggi, e mi sta fissando sulla scrivania con occhio da cucciolo ferito, ma devo studiare 30 pagine di storia medievale. Damn ...

    RispondiElimina

It's dangerous to go alone, leave a comment!